Girotondo contro il bullismo

Si chiama “I Ragazzi di ferro” ed è l’associazione nata dal coraggio di una mamma con l’intento della sensibilizzazione contro il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo. Nei giorni di sabato e domenica scorsi ha organizzato all’Isola Polvese un serie di incontri, performance, laboratori, finalizzati ad una raccolta fondi da destinare all’associazione. Nel video il girotondo finale di saluto ai partecipanti.

Fonte: Corriere Dell’Umbria

Giornata di riflessione Bullismo

“No! Io…resto qua”. Questo è il titolo dell’incontro-dibattito sui temi attuali del bullismo e cyberbullismo, organizzato dall’associazione, “I ragazzi di ferro” insieme al Mo.Vi. Lazio, in programma venerdì 9 novembre alle 10 presso la sala sant’Anna a Perugia. Una giornata di riflessione e di esperienze pratiche che inizierà con un dibattito che vedrà la partecipazione di Gemma Bracco (Bullismo e violenza di genere sui minori), Sergio Guarente (Empatia contro bullismo), Tiziana Casale (Bulli oggi, mobber e violento domani), Rosa Rinaldi (Emozioni violente. Comportamenti a rischio e adulti assenti), Sonia Forasiepi (Educazione ai diritti umani), Andrea Anania (sono Andrea…mi racconto), Jona Hoxha (Comparazione legislativa di genere), Anna Ventrella (Importanza della rete) e Serena Giolli (L’importanza dell’inclusione).

Simona Esposito interpreterà brani dal libro, “No! Io…resto qua”. Una iniziativa organizzata con l’aiuto delle associazioni che subito si sono unite sia per testimoniare che il fenomeno non ha una tipologia specifica (il bullo o la bulla sono oramai chiunque, come chiunque è la vittima) che per affermare esigenza di lavorare in rete, perché ognuna ha un settore mirate apporta ricchezza al team.

Nel pomeriggio all’Ostello Mario Spagnoli del Parco Cico Mendez dalle ore 15 alle ore 20 spazio alle esperienze dirette con Lavinia Loreni (Istruttore Outdoor Wolves Italia responsabile Lazio), Giuliano Bicchieraro (Istruttore Outdoor Wolves Italia responsabile Umbria), il maestro Andrea Anania e con la partecipazione di Dorè, Stella e Marea. “Grazie agli istruttori Wolves Italia-Umbria, faremo vivere esperienze pratiche come l’archeologia sperimentale, la scheggiatura di selce, intaglio del legno, accensione del fuoco  e molto altro, con tecniche primitive presenti ancora nella nostra memoria ancestrale. Saranno presenti cani da salvataggio per mostrarci esempi di amicizia  gratuita, un esempio di “lavoro di squadra”.

La scuola di arti marziali Kobra Kai con i maestri ed allievi offriranno lo spunto per investire l’energia traendone atteggiamenti positivi”, precisano gli organizzatori della interessante e originale giornata di riflessione e dimostrazioni pratiche. Info: associazione di promozione sociale “I ragazzi di ferro”. Telefono 339-8689525, e-mail: [email protected]

Fonte: tuttoggi.info

I Ragazzi Di Ferro

Homeschooling

Oggi 10 giugno sono vicina alla fine di un’avventura, preparo mia figlia per gli esami da esterna alla scuola. Cosa dice questo al mondo? Niente!
Una studentessa che fa gli esami da privatista!

Solo che la studentessa ha 10 anni, e vive chiusa in casa dalla metà della quarta elementare! Come mai? Cosa succede?
Semplice: ha vissuto tutta la vita di riflesso!

Una bambina che vive vivendo la vita di sua sorella!
Quindi: se non ha subito personalmente bullismo, ne ha fatto una scorpacciata vedendo il dolore, gli incubi, gli attacchi di panico della sorella! È bastato avere in classe una insegnante con un disturbo momentaneo, delle compagne ineducate, un po’ ochette (belle capigliature … bei vestitini, tutte starlettine di Sky…) per farle immaginare che tutto potesse succedere anche a lei!

Quindi, detto fatto ha scelto di chiudersi in casa! E non è che questo avviene in un momento, non è che la famiglia acconsente ad una chiusura del genere, a cuor leggero!

Mia figlia urlava per ore, rimaneva in piedi tutto il giorno dietro la porta è solo l’errore di una ausiliaria ne lo ha fatto scoprire; pensava che io lo sapessi, subdola e scorretta, ho lasciato che lo credesse e mi sono fatta raccontare tutto, di quante ore stesse li, con i piedi le ginocchia che cedevano.. con l’emicrania da stress, mentre le tre o quattro ochette sghignazzavano e la deridevano con la faccia da santarelline, sono destinate a quel che hanno scelto, non mi interessano! Ma mia figlia oggi dopo un anno e mezzo di completo rifiuto sociale, sta per affrontare l’esame di quinta, cosa le passa per la testa in queste notti di nuovo agitate e insonni? Come si fa a capire quando bisogna fermarsi, non dare incoraggiamento alla paura allo stato di ansia?

Da madre lo condivido in questo scritto, oggi che dobbiamo di nuovo ripassare i ROMANI, la geografia italiana, alcuni argomenti di scienze e quel che altri c’è da fare! Questo è un articolo anomalo rispetto a quanto si pubblica in questo comitato, ma oggi leggevo, pensavo e questo mi è uscito dalla mente: ricordi di urla, viso disfatto al fine giorno, a che serviva?

A niente! Cosa ho visto di diverso con l’homeschooling rispetto alla scuola “normale”?

Io non posso che averne un’idea positiva, la bambina ha studiato di più, meglio, approfondito, fatto esperienze dirette! Certo poche perchè lei non vuole uscire di casa! La bellezza di studiare in casa è il modo! Può approfondire un argomento, studiare con calma! Se non si capisce, si trovano modi diversi di affrontare l’argomento ostico! Insomma, il mondo ci fa credere che attraverso le classi si fa convivenza, inclusione, si impara a socializzare stando insieme! Non penso sia così! Non credo in questo modo di studiare! Alla fine porterò mia figlia a scuola, nella scuola media! Voglio capire se davvero ho un pregiudizio e non sono obiettiva! Ma sono pronta a dare di nuovi modi alternativi i istruirsi!

La scuola che non si modella su ogni esigenza non è inclusiva e massificante! Lo standard non permette all’unicità preziosa di ognuno di esprimersi, userò rende delle creature splendide dolci e aggraziate spontaneamente, di soffrire in un modo indicibile e non accettabile!

Vi auguro di vivere serenamente tra la gente, ma di avere anche la forza di fare da scudo per chi non ce la fa! Queste creature hanno il diritto di crescere con i loro tempi, inseguendo i loro aquiloni! Un po’ alice nel paese delle meraviglie, un po’ Peter Pan… scendono sul terreno e camminano… prima o poi lo fanno… diamo loro il tempo di amare la vita!

I Ragazzi Di Ferro

Bullismo e cyberbullismo

Quando si parla di bullismo e cyberbullismo, la strada va lasciata senz’altro agli esperti! Importante lasciare che la logica abbia più spazio di fronte al sentimento!

Viviamo un periodo di dolore che sembra inarrestabile, come se il vivere civile conquistato in millenni, improvvisamente non ha più valore! Niente viene più considerato! Perché? Cosa è successo? Quando noi adulti ci siamo persi?

Perché a me pare ovvio che bulli e cyberbulli, non si nasce! Non siamo nati violento aggressivi, picchiatori… tormentatori! Quando ci siamo inebetiti davanti ai nostri figli? Ci siamo persi per strada, non siamo più in grado di passare quei valori che ci rendevano uniti, che facevano di noi esseri umani, animali da branco senz’altro… ma un branco positivo, di sostegno, di supporto l’uno all’altro!

Sempre più chiusi in ipnotici schermi, teniamo gli occhi chini e quando li alziamo non riconosciamo una realtà che ci risulta estranea… non sappiamo più realizzare ciò che ci circonda è il primo che dice qualcosa ha ragione ai nostri occhi.. perché abbiamo fretta di tornare nelle nostre realtà più tranquille o di lanciarci in guerre virtuali da cui usciamo con un click… che ci porta in un’altra realtà, purché non sia questa!

E in questa… i/le nostri/e figli/e devono comunque trovare il modo di stare!
Ecco che lo sbandamento la solitudine diventa per alcuni un’arma per altri una debolezza, non riuscire ad essere presenti nel percorso di vita dei nostri figli ci rende colpevoli di mancanza nei riguardi dei nostri figli… allora alcuni dicono che il bullismo è sempre esistito, altri che di bullismo ci si fa la corazza… altri ancora…. il bullismo è lo sport nazionale di cui ci vogliamo occupare in questo momento storico!

Io non ho altro che la qualifica di madre… e con questa mi sento di dire: la lotta al bullismo si fa con gli strumenti, con le competenze, con la consapevolezza che le leggi vanno cambiate perché il mondo che ci circonda lo esige! La vigilanza va elevata, l’età per cui si risponde delle proprie azioni va comparata alla maturità e coscienza di cui oggi i nuovi futuri adulti sono in possesso!

Concludo con un auspicio: responsabilizzare gli adulti, non possiamo partire dall’educare i futuri adulti… se non rieduchiamo gli attuali adulti!

Giancarla Maio